x
Iscrivitti alla nostra newsletter

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Non un email valido!
Interessato a
Richiesto!

Ai sensi e per gli effetti degli articoli 7, 13 e 23 del D. Lgs. n. 196/2003, dichiaro di aver preso conoscenza dell'informativa di TRE.CI per il trattamento dei miei dati personali, ed eventualmente sensibili, di essere esaurientemente informato in merito ai miei diritti e di conoscere come e dove esercitare gli stessi, pertanto per consenso e presa visione.

Richiesto!
Si prega di compilare tutti i campi richiesti!

News

  • News
  • Legionella nelle strutture turistico-ricettive: controlli ASL in ...
  • « Indietro
  •  

Legionella nelle strutture turistico-ricettive: controlli ASL in aumento

La prevenzione della Legionellosi e l’obbligo di disporre del Piano di autocontrollo è stata trattata durante il tavolo tecnico organizzato dall’ASL di Varese lo scorso 19/11/2015, a seguito dell’aumento dei controlli da parte degli organi ufficiali (ASL).

 

La Legionellosi è una infezione polmonare provocata da diversi batteri del genere Legionella che si trovano nell'acqua e si insediano nell'apparato respiratorio umano per inalazione di micro gocce d'acqua infette.

Le condizioni favorevoli per lo sviluppo dei batteri della Legionella sono: ristagni di acqua, successiva diffusione dell'acqua nell'ambiente con formazione di micro gocce, temperatura dell'acqua compresa fra 20 e 50 gradi.

Il principale riferimento normativo statale sulla prevenzione della Legionellosi nelle strutture ricettive turistiche, è l'accordo Stato-Regioni n. 2181 del 13 gennaio 2005 "Linee guida recanti indicazioni sulla legionellosi per i gestori di strutture turistico-ricettive e termali", pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 4 febbraio 2005, serie generale, n. 28 e la circolare n. 1751 del 24/02/2009 emanata da Regione Lombardia.

La normativa prevede l’obbligo della redazione di un manuale di autocontrollo in cui siano valutati i rischi, pianificati e registrati gli interventi periodici e straordinari al fine di una corretta gestione del rischio.

 

Tra le sanzioni per la mancata valutazione del rischio secondo l’Art. 271, commi 1, 3 e 5 del D.Lgs.81/08 e smi sono previsti l’arresto da tre a sei mesi o l’ammenda da 2.740,00 a 7.014,40 euro.

 

Tre.ci Servizi Ambientali è a Vostra disposizione per qualunque chiarimento.

 

email: info@treciservizi.com

tel.: 0331/214722

 

Condividi

Per ulteriori informazioni compila il seguente form

* Campi obbligatori
  •  
Ai sensi e per gli effetti degli articoli 7, 13 e 23 del D. Lgs. n. 196/2003, dichiaro di aver preso conoscenza dell'informativa di TRE.CI per il trattamento dei miei dati personali, ed eventualmente sensibili, di essere esaurientemente informato in merito ai miei diritti e di conoscere come e dove esercitare gli stessi, pertanto per consenso e presa visione. Si   No  

Questo sito utilizza cookie per consentire una migliore esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione acconsenti.