x
Iscrivitti alla nostra newsletter

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Non un email valido!
Interessato a
Richiesto!

Ai sensi e per gli effetti degli articoli 7, 13 e 23 del D. Lgs. n. 196/2003, dichiaro di aver preso conoscenza dell'informativa di TRE.CI per il trattamento dei miei dati personali, ed eventualmente sensibili, di essere esaurientemente informato in merito ai miei diritti e di conoscere come e dove esercitare gli stessi, pertanto per consenso e presa visione.

Richiesto!
Si prega di compilare tutti i campi richiesti!

News

IL NUOVO REGOLAMENTO SULL’ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI

Il Regolamento 1169/2011 è entrato in vigore il 13 dicembre 2011 e verrà applicato, in modo graduale, tramite “tappe “intermedie, la prima entro il 13/12/2014, la seconda entro il 13/12/2016

(per dichiarazioni nutrizionali obbligatorie).

Ricapitoliamo  i punti salienti:

TABELLE NUTRIZIONALI:

Tutti i prodotti alimentari preconfezionati (salvo alcuni prodotti soggetti al solo processo di maturazione, l’acqua, altri prodotti non trasformati, e le mini-confezioni la cui superficie maggiore misura meno di  25 cm2) dovranno riportare in un unico campo visivo una tabella nutrizionale con i valori di energia (kcal o kj) riferiti a 100 g o 100 ml riportante:

• contenuto energetico

• grassi

• acidi grassi saturi

• carboidrati

• proteine

• zuccheri

• sale (La dicitura indicante che il contenuto di sale è dovuto esclusivamente al sodio naturalmente presente può figurare, ove opportuno, immediatamente accanto alla dichiarazione nutrizionale).

La dichiarazione nutrizionale obbligatoria può essere integrata con l’indicazione delle quantità di uno o più dei seguenti elementi:

• acidi grassi monoinsaturi

• acidi grassi polinsaturi

• polioli

• amido

• fibre

• i sali minerali o le vitamine elencati nell’allegato XIII (se presenti in quantità significativa, tutte le specifiche sono indicate nell’allegato).

ALLERGENI

L’obbligo di comunicare gli allergeni si estende anche ai prodotti non preconfezionati:

• le sostanze devono essere evidenziate distinguendo il possibile allergene mediante diverso carattere, sfondo o stile differente;

• l’obbligo si estende anche ai prodotti alimentari venduti nel circuito della ristorazione (alimenti somministrati).

LEGGIBILITA’

Allo scopo di migliorare la  leggibilità dell’etichetta vengono riconsiderate le dimensioni del carattere, lo spessore, il colore e il contrasto tra scritta e sfondo e nello specifico:

• altezza minima dei caratteri: 1,2 mm (0,9 mm per le confezioni più piccole);

• le informazioni obbligatorie non devono essere apposte con altre indicazioni o immagini che possano interferire.

ORIGINE E PROVENIENZA

Obbligatorietà di indicare origine e provenienza, estesa per le carni ovine, caprine, suine e avicole. La Commissione Europea avrà il compito di valutare l’opportunità di prescrivere la designazione dell’origine anche per altri prodotti quali gli alimenti mono-ingrediente, latte e derivati, carni utilizzate come ingrediente di altri cibi.

Gli Stati Membri possono adottare disposizioni che richiedano ulteriori indicazioni obbligatorie per specifiche categorie, nel caso in cui si voglia proteggere il consumatore, la salute pubblica, i diritti di proprietà industriale e commerciale, delle IP, DOC e prevenire le frodi.

DENOMINAZIONE DI VENDITA

Vengono introdotte le seguenti denominazioni:

·       Prodotto decongelato

·       Carne o pesce ricomposto

·       Acqua aggiunta a carne o pesce

·       Ingrediente sostitutivo

·       Involucro non edibile (per gli insaccati).

RESPONSABILITA’

Vengono introdotte le responsabilità dei vari operatori del settore alimentare lungo la catena di approvvigionamento:

·       Responsabilità per produzione interna UE: è l’operatore con il cui nome o ragione sociale o marchio, è commercializzato il prodotto;

·       Responsabilità per provenienza extra UE: è l’importatore (se non viene stabilito l’operatore in UE).

PRATICHE LEALI DI INFORMAZIONI

Le informazioni riportate sul prodotto o sull’imballaggio o trasmesse in pubblicità:

·       non devono indurre in errore i destinatari

·       devono essere precise, chiare e facilmente comprensibili

·       non devono attribuire proprietà di guarigione o prevenzione di malattie.

 

Sono ancora da definire le specifiche modalità con cui i ristoratori  e i pubblici esercenti, oltre ai titolari di mense e catering, dovranno offrire le informazioni ai consumatori finali.

Resta fermo il principio per cui “per tutti gli alimenti, sono rese disponibili e facilmente accessibili le relative informazioni obbligatorie, conformemente al Reg CE 1169/11 (art. 12.1).

 

Per maggiori dettagli alleghiamo la guida redatta dall’Avv. Dario Dongo in merito all’applicazione del nuovo regolamento.

 

Tre.Ci Servizi Ambientali è a Vostra disposizione per chiarimento in merito (Tel. 0331/214722).

Condividi

Per ulteriori informazioni compila il seguente form

* Campi obbligatori
  •  
Ai sensi e per gli effetti degli articoli 7, 13 e 23 del D. Lgs. n. 196/2003, dichiaro di aver preso conoscenza dell'informativa di TRE.CI per il trattamento dei miei dati personali, ed eventualmente sensibili, di essere esaurientemente informato in merito ai miei diritti e di conoscere come e dove esercitare gli stessi, pertanto per consenso e presa visione. Si   No  

Questo sito utilizza cookie per consentire una migliore esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione acconsenti.