x
Iscrivitti alla nostra newsletter

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Non un email valido!
Interessato a
Richiesto!

Ai sensi e per gli effetti degli articoli 7, 13 e 23 del D. Lgs. n. 196/2003, dichiaro di aver preso conoscenza dell'informativa di TRE.CI per il trattamento dei miei dati personali, ed eventualmente sensibili, di essere esaurientemente informato in merito ai miei diritti e di conoscere come e dove esercitare gli stessi, pertanto per consenso e presa visione.

Richiesto!
Si prega di compilare tutti i campi richiesti!

News

  • News
  • Il Carbone Vegetale negli alimenti: stop alle informazioni ingann...
  • « Indietro
  •  

Il Carbone Vegetale negli alimenti: stop alle informazioni ingannevoli ai consumatori

I miracoli del pane nero sono una bufala con la possibile aggravante della truffa. Il prodotto, è stato erroneamente considerato dai consumatori un prodotto salutistico. Per questo motivo viene venduto a prezzi stratosferici pur trattandosi di un alimento colorato con un pizzico di carbone vegetale dal costo irrisorio.

Il colore è solo un effetto scenico non ha effetti benefici sull’organismo

Se a tutto ciò si aggiunge il divieto di vendere questo pane ribadito dal Ministero della Salute, siamo di fronte ad una vera truffa commerciale.

Nonostante l’annuncio del 22 dicembre 2015 in cui Beatrice Lorenzin dichiara lo stop alla vendita, la situazione non è cambiata. Molti panificatori hanno incrementato le vendite a prezzi stratosferici (6-7 euro al chilo) convinti che basti togliere la parola “pane” dal cartellino per aggirare la legge.

La norma però non è recente e la colorazione del pane e della pizza con carbone vegetale (E 153) è da sempre vietata.

 

Il carbone vegetale è un additivo alimentare riconosciuto dall’Unione Europea e classificato con la sigla  E153, ricavato dal legno, impiegato come colorante in alcuni alimenti e come ingrediente con funzione salutistica contro il meteorismo negli integratori  alimentari. Non esiste quindi un problema di sicurezza ma solo di regole e di quantità.

 

Non così è per la panetteria da forno fine (categoria 07.2) termine che raggruppa prodotti  realizzati con farina, uova, zucchero, miele come ad esempio: fette biscottate, taralli, cracker, gallette, pasticcini, torte, cialde, ecc.

Il legislatore permette la colorazione con minime quantità di carbone vegetale che non è certo in grado di svolgere una funzione attiva contro il meteorismo. L’Efsa ha infatti stabilito che “l’effetto benefico si ottiene con l’assunzione di 1 grammo di carbone vegetale almeno 30 minuti prima del pasto e di un altro grammo subito dopo il pasto”. Si tratta di quantità difficilmente  raggiungibili attraverso una semplice colorazione.

Inoltre, qualsiasi cartello esposto o etichetta abbinata ai prodotti di pasticceria fine colorati con E153 che  riporta effetti salutistici, si deve considerare arbitraria e di dubbia conformità,  e soggetta a possibile sanzione o denuncia da parte delle autorità di controllo.

Tutto è permesso ma solo per il piacere di assaggiare un piatto o un cibo di diverso colore non certo per i fantomatici effetti benefici.

La conclusione della vicenda è che il pane nero non è permesso e i prodotti di panetteria fine colorati con carbone vegetale non svolgono alcuna funzione attiva sull’organismo. Il colore è solo una forma estetica.

Anche la scelta adottata da alcuni panificatori, di continuare a vendere pane nero scrivendo sul cartellino prodotto da forno, perché il prodotto resta comunque un pane colorato e il rischio di una sanzione è dietro l’angolo.

 

Risponde il  Ministero della Salute:

 “Non è possibile utilizzare il claim del carbone attivo per alimenti diversi dagli integratori. Peraltro l’impiego del carbone attivo come ingrediente per finalità “fisiologiche”, ad oggi, non è ammesso in alimenti diversi dagli integratori alimentari perché richiederebbe una preventiva autorizzazione ai sensi del regolamento (CE) 258/97 sui novel food”.

Fonte: http://www.ilfattoalimentare.it/

Condividi

Per ulteriori informazioni compila il seguente form

* Campi obbligatori
  •  
Ai sensi e per gli effetti degli articoli 7, 13 e 23 del D. Lgs. n. 196/2003, dichiaro di aver preso conoscenza dell'informativa di TRE.CI per il trattamento dei miei dati personali, ed eventualmente sensibili, di essere esaurientemente informato in merito ai miei diritti e di conoscere come e dove esercitare gli stessi, pertanto per consenso e presa visione. Si   No  

Questo sito utilizza cookie per consentire una migliore esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione acconsenti.